Perché piangevo per la parata russa

F. William Engdahl New Eastern Outlook 13/05/2015

Qualcosa di straordinario non solo ha avuto luogo in Russia ma potrebbe avvicinare il nostro turbato mondo con un passo importante alla pace e allontanarlo dall’incombente nuova guerra mondiale. Di tutte le cose improbabili, ciò che è accaduto è stata la commemorazione nazionale russa dei 27, forse 30 milioni, di cittadini sovietici mai tornati dalla seconda guerra mondiale. Eppure, ciò che può essere descritto solo come spirituale, gli eventi del 9 Maggio, Giorno della Vittoria sul nazismo, svoltisi in tutta la Russia, ha trasceso il mero giorno della memoria del 70° anniversario della fine della seconda guerra mondiale nel 1945. E’ stato possibile vedervi emergere lo spirito degli eventi attuali, diverso da tutto ciò che l’autore abbia mai visto prima.
La manifestazione è stata straordinaria sotto ogni aspetto. C’era la sensazione, in tutti i partecipanti, di plasmare la storia in modo ineffabile. Non era il solito 9 Maggio per illustrare la forza militare della Russia. Sì, era caratterizzato dalla parata dei mezzi militari più avanzati della Russia, tra cui gli impressionanti nuovi carri armati T-14 Armata, i sistemi antimissile S-400 e gli avanzati jet da combattimento Sukhoj Su-35. E’ stato davvero impressionante vederli. La parte militare della manifestazione ha anche visto per la prima volta i soldati d’élite dell’Esercito di Liberazione Popolare della Cina marciare in formazione con i soldati russi, che di per sé dovrebbe far rabbrividire i falchi neoconservatori di UE e Washington, se avessero una spina dorsale da far rabbrividire. L’alleanza tra le due grandi potenze eurasiatiche, Russia e Cina, evolve a velocità fulminea in una nuova che cambierà la dinamica economica del nostro mondo da debito, depressione e guerre a crescente prosperità generale e sviluppo, se saremo abbastanza seri da contribuirvi. Durante la visita, il presidente cinese Xi oltre ad onorare in modo ben visibile la manifestazione della Vittoria russa e il suo significato per la Cina, ha incontrato separatamente Vladimir Putin e deciso che l’emergente Nuova Via della Seta del grande programma ferroviario ad alta velocità della Cina s’integrerà nella pianificazione e in altri aspetti dell’Unione economica eurasiatica formata da Russia, Bielorussia, Kazakistan e Armenia con diversi possibili candidati in attesa. Se può sembrare un passo ovvio, non era affatto certo finora. I due grandi Paesi eurasiatici ora hanno cementato gli enormi accordi su petrolio e gas, commerciali e di cooperazione militare, volti ad integrare pienamente le infrastrutture economiche. In seguito all’incontro con Xi, Putin ha detto alla stampa, “L’integrazione dei progetti eurasiatici Unione economica e Via della Seta significa raggiunge un nuovo livello di collaborazione implicante uno spazio economico comune continentale”. Il peggior incubo geopolitico di Zbigniew Brzezinski si compie, grazie alla stupida e miope strategia geopolitica di Brzezinski e della fazione guerrafondaia di Washington che ha chiarito a Pechino e Mosca che la loro unica speranza di sviluppo nazionale e libertà dai dettami dell’unica superpotenza Washington-Wall Street sia costruire un spazio monetario ed economico indipendente dal mondo del dollaro.

 La sfilata del Bene
Ma la parte più straordinaria delle manifestazioni della lunga giornata, non è stato lo spettacolo del materiale militare in un momento in cui la NATO non solo fa tintinnare le sciabole contro la Russia, ma interviene militarmente in Ucraina per trascinare la Russia in una sorta guerra. Qual che è stato straordinario il 9 Maggio, alla Parata del Giorno della Vittoria, era la marcia del ricordo dei cittadini, un corteo simbolico conosciuto come marcia del Reggimento Immortale, una processione dalle strade di Mosca alla famosa e molto bella Piazza Rossa. La piazza, contrariamente alla credenza di molti occidentali, non si chiama così dal “Rosso” del bolscevichi, ma per opera dello zar Aleksej Mikhajlovich di metà 17° secolo, usando una parola russa che ora significa rosso. La parate del Reggimento Immortale avrebbe interessato dodici milioni di russi in tutta la Russia, contemporaneamente da Vladivostock a San Pietroburgo, passando per Sebastopoli nell’attuale Crimea russa. In un clima di rispetto e quiete, circa trecentomila russi, la maggior parte con foto o ritratti dei familiari mai tornati dalla guerra, camminavano nella bella e soleggiata giornata di primavera nel centro di Mosca, nella Piazza Rossa dove si trova la residenza del presidente, il famoso Cremlino. Vedere i volti di migliaia e migliaia di russi ordinari camminare, l’ottimismo sul loro futuro dai loro volti raggianti, giovani e anziani, veterani della Grande Guerra Patriottica, come è nota ai russi, hanno spinto l’autore a piangere in silenzio. Ciò che trasmettevano sorrisi e occhi di migliaia di manifestanti non era uno sguardo al passato, al dolore per gli orrori di quella guerra. Piuttosto, ciò che vidi così chiaramente nel corteo era il gesto di amorevole rispetto e gratitudine per coloro che diedero la vita affinché la Russia di oggi rinasca nuovamente, guardando al futuro e al centro dell’unica alternativa alla dittatura mondiale del Dominio a spettro totale del Pentagono e del sistema del dollaro che strangola con debito e frode. L’intera nazione russa emanava la sensazione di essere nel giusto e vittoriosa. Pochi popoli lo sono nell’odierno mondo. Quando le telecamere si avvicinarono al Presidente Vladimir Putin, anch’egli nella marcia, camminava libero tra migliaia di cittadini, con una foto del defunto padre che aveva combattuto in guerra e gravemente ferito nel 1942. Putin era circondato non da limousine blindate come ogni presidente degli Stati Uniti dall’assassinio di Kennedy, nel 1963, sempre che abbiano il coraggio di avvicinarsi a una folla. C’erano tre o quattro persone della sicurezza presidenziale vicino Putin, ma migliaia di russi ordinari a portata di mano di uno dei più influenti leader del mondo attuale. Non appariva alcun clima di paura.

 Le mie lacrime
Le mie lacrime vedendo i manifestanti silenziosi e Putin tra loro, sono la reazione inconscia di ciò che, a pensarci bene, era comprendere personalmente quanto oggi sia remota una qualsiasi cosa del genere nel mio Paese, gli Stati Uniti d’America, dalla marcia commemorativa in pace e serenità. Non ci sono state marce della “vittoria” dopo che le truppe USA hanno distrutto l’Iraq; l’Afghanistan o la Libia. Gli statunitensi oggi non hanno altro che guerre di morte e distruzione da commemorare e veterani che ritornano con traumi e avvelenamenti da radiazioni ignorati dal proprio governo. La trasformazione degli USA è avvenuta nei 70 anni dalla fine della guerra, una guerra in cui noi statunitensi e i russi, l’Unione Sovietica naturalmente, combatterono assieme per sconfiggere Hitler e il Terzo Reich. Oggi il governo degli Stati Uniti è schierato con i neo-nazisti in Ucraina per provocare la Russia. Ho riflettuto su quanto i miei connazionali siano cambiati in questi pochi decenni. Dalla nazione più prospera del mondo, centro di invenzione, innovazione, tecnologia, benessere, nel giro di settant’anni è riuscita a farsi rovinare da un branco di stupidi e ricchissimi oligarchi come Rockefeller, Gates, Buffett e loro accoliti della dinastia Bush. Tali oligarchi narcisisti non badano per nulla alla grandezza del popolo statunitense, ma lo vedono come mera base da cui realizzare il loro malato sogno di dominio mondiale. E lasciamo che ciò accada.
 Vi svelo un segreto che ho scoperto di recente. Gli oligarchi statunitensi non sono onnipotenti; non sono certo i nuovi Illuminati come certuni cercano di convincerci. Non sono onniscienti. La fanno franca con i loro crimini perché glielo permettiamo. Siamo ipnotizzati dalla loro aura di potere. Eppure se accusassimo i vertici chiaramente e apertamente, “Questi stupidi aspiranti imperatori non hanno vestiti!”, il loro potere evaporerebbe come zucchero filato nell’acqua calda. Ciò li terrorizza. Ecco perché impiegano le Forze Armate degli Stati Uniti in Texas per organizzare esercitazioni contro i cittadini degli Stati Uniti; perché stracciano Costituzione e Carta dei Diritti dall’11 settembre; perché hanno creato il Department of Homeland Security e cercano di spaventare i cittadini per vaccinarli sull’Ebola o altro; perché cercano disperatamente di controllare la libera espressione delle idee politiche su Internet. Ora, quando rifletto sul vero stato degli USA oggi rispetto alla Russia, piango. Oggi l’economia degli Stati Uniti è in rovina, “globalizzata” dalle aziende mondiali di Fortune 500 e dalle banche di Wall Street. La loro industria affidata a Cina, Messico, e anche Russia negli ultimi 25 anni. L’investimento nella formazione dei nostri giovani è diventato uno scherzo politicamente corretto di cattivo gusto. Gli studenti universitari devono sprofondare nei debiti con le banche private, 1000 miliardi di dollari oggi, per avere un pezzo di carta chiamato laurea con cui cercare lavori inesistenti. Il governo di Washington è un bugiardo compulsivo che mente sul vero stato dell’economia da quando Lyndon Johnson, durante la guerra del Vietnam, ordinò ai dipartimenti Commercio e Lavoro di falsificare i dati per nascondere la stagnazione economica interna. Le conseguenze, seguite da tutti i presidenti, è che viviamo in un mondo fiabesco i cui i media mainstream ci dicono che siamo nel “sesto anno di ripresa economica” e abbiamo una mera disoccupazione del 5,4%. La realtà è che oltre il 23% degli statunitensi oggi è disoccupato, ma con accorti trucchi scompaiono dalle statistiche. Circa 93 milioni di statunitensi non hanno un lavoro regolare. Non è colpa di Obama o Bush, Clinton, Bush, Reagan o Jimmy Carter. E’ colpa nostra perché eravamo passivi; gli abbiamo dato il potere perché non crediamo in noi. Lasciamo ai miliardari decidere per noi chi sarà il nostro Presidente e Congresso, perché non crediamo di esserne degni. Per lo stesso motivo, i russi oggi, tra le sanzioni occidentali della brutale guerra economica e finanziaria e con una guerra della NATO in Ucraina che ha creato oltre un milione di profughi ucraini russofoni in Russia, fuggiti al sicuro nonostante la demonizzazione dei media occidentali del loro Paese, trasudano nuovo ottimismo sul loro futuro. Ciò che rende Vladimir Putin così straordinariamente popolare, con un’approvazione oltre l’83%, è che agisce sapendo di rappresentare l’anima russa secondo cui il popolo è buono, è corretto, è giusto, come lo è la stragrande maggioranza dei russi oggi. Ciò era nettamente visibile sui volti dei manifestanti del 9 Maggio. Si poteva sentire ciò che Putin sul podio dell’oratore sentiva quando guardava all’immensa folla. Era chiaro quando il Ministro della Difesa Shojgu, buddista russo-mongolo di Tuva, con rispetto e umiltà fece il segno della croce ortodossa a capo chino mentre passava attraverso la Torre del Salvatore del Cremlino affiancandosi a Putin. Come Viktor Baranets, noto giornalista russo ha detto: “In quel momento ho sentito che con il suo semplice gesto Shojgu ha sollevato tutta la Russia.
C’era tanta bontà, speranza, nostro senso russo del sacro in quel gesto“. La leggendaria Anima russa si era manifestata il 9 Maggio ed è viva e vegeta, grazie. E perciò che ho pianto il 9 Maggio, guardando centinaia di migliaia di russi pacifici attraversare la loro capitale, la città che ha sconfitto gli eserciti di Napoleone e di Hitler. Mi ha commosso profondamente guardarli camminare lentamente e liberamente nella Piazza Rossa accanto alla residenza del loro Presidente, mentre la Casa Bianca di Washington è circondata da barriere di cemento, filo spinato e guardie armate. Lo si vedeva negli occhi dei russi per strada: sapevano che erano nel bene. Non buoni perché i loro padri o nonni erano morti sconfiggendo il nazismo. Lo erano perché erano orgogliosi di essere russi, fieri del loro Paese dopo tutte le devastazioni degli ultimi decenni, dell’ultimo saccheggio sostenuto dagli Stati Uniti durante la Shock Therapy di Harvard negli anni ’90, nell’epoca di Eltsin. Ho pianto essendo profondamente commosso da ciò che ho visto in questi russi ordinari e per quello che vedo distrutto nel mio Paese. Noi statunitensi abbiamo perso il senso del giusto e forse anche di esserlo di nuovo. Abbiamo accettato il male, uccidiamo in tutto il mondo, odiamo noi stessi e i nostri vicini, abbiamo paura, viviamo in un clima di guerra razziale e siamo disprezzati per tutto ciò nel mondo. Ci sentiamo tutt’altro che bene con noi stessi, perché siamo in una sorta d’ipnosi indotta da tali oligarchi narcisisti. L’ipnosi, tuttavia, può essere cancellata nelle giuste circostanze. Dobbiamo solo volerlo.

 Poscritto:
L’ultima volta che piansi per un evento pubblico fu nel novembre 1989 quando cadde il Muro di Berlino e i tedeschi di est e ovest ballarono insieme sul simbolo della divisione della Guerra Fredda tra Est e Ovest, con l’Ode alla gioia di Beethoven che risuonava. Il cancelliere tedesco fece un discorso al Bundestag proponendo l’idea di una ferrovia ad alta velocità che collegasse Berlino a Mosca. Ma la Germania non era abbastanza forte, libera da sensi di colpa della guerra, da respingere la pressione di Washington. L’architetto di quella visione, Alfred Herrhausen, fu assassinato dalla ‘Frazione Armata Rossa’ di Langley, Virginia. La Russia fu deliberatamente gettata nel caos dalla terapia d’urto del FMI e dalla criminale famiglia Eltsin. Oggi il mondo ha una nuova, molto più bella possibilità di realizzare il sogno di Herrhausen, questa volta con Russia, Cina e d Eurasia. Ecco cos’era così bello nella Parata del 9 Maggio.




















F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora