Il nucleare costa meno?

A conti fatti sembra proprio di no

\

Il nucleare costa meno?
Centrale Nucleare
Secondo un'analisi condotta dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, il costo dell'elettricità prodotta da centrali nucleari costerebbe per il 16% in più di quella prodotta da gas e il 21% in più di quella da centrali a carbone. Nessun risparmio con la reintroduzione del nucleare nel nostro paese, anzi. Le nostre bollette, già poco gradite, rischierebbero di diventare ancora più care.

Secondo la Fondazione il costo dell' elettricità da centrali nucleari è mediamente di 72,8 Euro/MWh, più elevato rispetto ai 61 Euro/MWh delle centrali a gas e ai 57,5 Euro/MWh delle centrali a carbone. Il confronto si basa sull' analisi di 8 studi recenti - pubblicati fra il 2008 e il 2010 - ( Agenzia Nucleare dell'Ocse, Ufficio del Budget del Congresso USA, Dipartimento dell'Energia Usa, Massachusetts Institute of Technology, Commissione Europea, Camera dei Lords , Electric Power Research Institute e Moody's).

Il programma nucleare italiano prevede 100 TWh e 13.000 MW di nuove centrali entro il 2030, ma anche, come si legge nel rapporto, "uno sviluppo delle rinnovabili (circa 100 TWh entro il 2020), di nuove centrali a gas e a carbone in costruzione o in fase avanzata di autorizzazione (almeno altri 10.000 MW entro il 2020), perché la crisi economica e le politiche di risparmio e di efficienza energetica stanno configurando una futura crescita moderata dei consumi elettrici".

Inoltre non bisogna sottovalutare un altro aspetto della vicenda. Il nucleare significa una partenza praticamente da zero quindi "importare reattori che non produciamo, tener conto delle caratteristiche del nostro territorio, affrontare le forti opposizioni locali, considerare i tempi prevedibilmente più lunghi di realizzazione delle centrali."

A fronte di queste considerazione, come suggerisce la Fondazione che ha condotto l'analisi, bisognerebbe iniziare a rivalutare l'utilizzo delle fonti rinnovabili che, tra l'altro, dopo il 2020, potrebbero essere molto meno care del nucleare. Senza dimenticarci del risparmio energetico e della catena del riciclo.
sul canale energia